Vi presentiamo oggi una piccola guida alla scelta della stufa a legna, con tutti i benefici di questo tipo di combustione, e vi diamo dei suggerimenti sulla migliore legna da ardere.

Per molti la stufa a legna è quasi una filosofia di vita.

Chi ha provato l’alto rendimento e la grande potenza di questo materiale è infatti molto spesso propenso a sceglierlo per riscaldare la propria casa.

Oggi, grazie a sistemi sempre più performanti ed evoluti, si può raggiungere una perfetta combustione della legna, diminuendo drasticamente gli sprechi, e beneficiare di un costante ammodernamento tecnologico per la gestione ottimale del prodotto.

Perché scegliere un prodotto con combustione a legna? Riassumiamo i principali benefici:

Migliore resa

Se si considera che 2.3Kg di legna secca hanno un potere calorifico pari a 1lt di gasolio o 1m³ di gas naturale, diventa evidente come, a parità di beneficio, a incidere è il costo del combustibile, che per l’acquisto della legna sarà inferiore del 50-60 % rispetto agli altri combustibili.

Qualche dato:

Andamento del costo dell’energia primaria (Euro/MWH) 2007-2017

andamento del costo dell'energia primaria

Impatto sull’ambiente

Combustibile naturale e rinnovabile, la legna rappresenta un’opportunità per risparmiare e non logorare ulteriormente il nostro ecosistema già provato dalle attività umane e dalle continue emissioni.

Innovazione tecnologica e conto termico:

Siamo giunti ad un nuovo modo di concepire le stufe a legna con modelli che consentono di sposare appieno la filosofia del risparmio e del rispetto ambientale, senza tralasciare le esigenze di arredamento delle case più moderne. Questo percorso ha portato le stufe che oggi vi presentiamo ad avere sempre più modelli certificati 3, 4 e 5 stelle Aria Pulita e sempre più prodotti che, grazie alle loro prestazioni, consentono di accedere agli incentivi del Conto Termico.


Quale stufa a legna scegliere?

Per coniugare insieme i suddetti aspetti, presso il nostro punto vendita La Nuova Commerciale di Noto abbiamo scelto i prodotti La Nordica-Extraflame, un gruppo industriale che si distingue per l’innovazione e la ricerca costante sui prodotti. Si tratta di prodotti progettati e realizzati con le più avanzate tecnologie, per riscaldare in modo efficiente ed ecologico la tua casa, con una ottima resa calorica, un consumo contenuto di legna e nel completo rispetto dell’ambiente.

Fra questi vi suggeriamo i modelli:

JENNIFER

Stufa interamente in ghisa smaltata ad alto rendimento termico

stufa a legna jennifer

Caratteristiche: • Possibilità di caricare ceppi da 50 cm • Focolare in ghisa e Nordiker con sistema di post-combustione • Cassetto cenere estraibile frontalmente • Possibilità di prelevare l’aria comburente dall’esterno

Scarica qui la scheda tecnica

 

ISOTTA EVO

Stufa a legna in ghisa

stufa a legna isotta

Caratteristiche: • Stufa interamente in ghisa smaltata • Porta di carico frontale e laterale • Ghisa ad alto rendimento termico • Focolare in ghisa con sistema di post combustione • Vetro ceramico resistente a 750°

Scarica qui la scheda tecnica

 

ROSSELLA PLUS

Stufa a Legna con rivestimento in maiolica o pietra naturale

stufa a legna rossella

Caratteristiche: • Focolare in ghisa con sistema di post combustione • Rivestimento esterno in maiolica o pietra naturale • Porte, testata e basamento in ghisa smaltata • Vetro ceramico resistente fino a 750° • Cassetto portalegna estraibile.

Scarica qui la scheda tecnica 

Come faccio a scegliere il tipo di legna da ardere più adatto ed efficiente per la mia stufa?

I consigli per raggiungere una perfetta combustione della legna, diminuire gli sprechi e far durare a lungo la vostra stufa sono:

  • Utilizzare esclusivamente ceppi di legna secca (contenuto d’acqua max. 20%). Si dovrebbero caricare al massimo 2 o 3 ceppi di legna. I pezzi di legna dovrebbero avere una lunghezza di circa 20-30 cm ed una circonferenza di massimo 30-35 cm.
  • I tronchetti di legno pressati non resinati devono essere usati con cautela per evitare surriscaldamenti dannosi all’apparecchio, in quanto questi hanno un potere calorifico elevato.
  • La legna usata come combustibile deve avere un contenuto d’umidità inferiore al 20% e deve essere deposta in luogo asciutto. La legna umida rende l’accensione più difficile, poiché è necessaria una maggiore quantità d’energia per far evaporare l’acqua presente. Il contenuto umido ha inoltre lo svantaggio che, con l’abbassarsi della temperatura, l’acqua si condensa prima nel focolare e quindi nel camino causando un notevole deposito di fuliggine con successivo possibile rischio d’incendio della stessa.
  • La legna fresca contiene circa il 60% di H2O, perciò non è adatta ad essere bruciata. Bisogna collocarla in luogo asciutto e ventilato (per esempio sotto una tettoia) per almeno due anni prima di utilizzarla.

A tal proposito, vi segnaliamo una tabella in cui si rilevano valore di combustione e quantità richiesta di vari tipi di carburante. Prestate particolare attenzione al confronto fra legna secca e bagnata:

potenza termica legna

  • Tra gli altri non possono essere bruciati: carbone, ritagli, cascami di corteccia e pannelli, legna umida o trattata con vernici, materiali di plastica; in tal caso decade la garanzia sull’apparecchio.
  • Carta e cartone devono essere utilizzati solo per l’accensione

quale legna utilizzare stufa a legna

 

LA NOSTRA RUBRICA

“Come faccio a calcolare la potenza termica necessaria?”

Non esiste regola assoluta che permetta di calcolare la potenza corretta necessaria. Questa potenza, infatti, varia in funzione dello spazio da riscaldare, ma dipende anche in grande misura dall’isolamento.

Supponendo che desideriate riscaldare una stanza di 150  (10 x 6 x 2,5 m) in un’abitazione isolata, vi occorreranno, 150  x 35 W/ = 5250W o 5,25 kW. Come riscaldamento principale un apparecchio di 8 kW sarà dunque sufficiente.

 

 

Share This